lunedì 25 giugno 2012

Il tuo strambo magnifico pensiero



(W. Mac Mazzieri, Le città hanno regalato la piazza alla luna)


Non tutti sanno abbracciare
Alcuni si limitano ad aprire le braccia
E a richiuderle sulle spalle del compagno.

Non tutte le persone geniali
Sono coscienti del proprio dono.
Bisogna essere un cielo in tempesta,
Un mare in preda alla bufera
Per spingere la schiuma delle proprie onde
Sino alla riva più lontana
Far sì che i tuoni e i lampi
Riecheggino fino alle terre più improbabili.

venerdì 15 giugno 2012

Sole di grazia 🎵





Dipinto romantico di William Trost Richards, Lago Winnipesaukee
(William Trost Richards, Lago Winnipesaukee)

Fa così male sentire
È come puntare le dita
Sul tuo pungente sorriso insicuro.
Le lampade illuminano
Solo parte del buio
E per quanto possa andar veloce
Sono sempre ferma.

Cresce il movimento delle onde
E il mio sentimento con loro
S’agita di domande.
Quanto brucia sentire
Nel petto,
Ma non conosco altro luogo.
Potrei chinarmi e assaggiare la neve
Perduta, sporca di fango
Schiacciata, sciolta.
Ma rimango in piedi
E sono ancora ferma.

Per i monti
Ci sono tante ansimanti entità
Che vivono sole di grazia
Come me.
Ci guardiamo da una punta all’altra
Schiacciati dal nostro silenzio
Parliamo la stessa lingua
Ma non ci capiamo.
Vibriamo su scale differenti
Anche se suoniamo le stesse note.
E io continuo a sentire
Male nel petto,
Ma è l’unico luogo che conosco.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

mercoledì 13 giugno 2012

Intervista a Crima, 7 giugno 2012

Licenza Creative Commons



Giornale di Merate, 12 giugno 2012


E ora, finalmente, anche sulla carta stampata! A pagina 33 del numero di ieri del settimanale "Giornale di Merate" trovate l'articolo scritto da Claudia Mauri, alla quale va uno speciale grazie per la piacevole chiacchierata. Avere la possibilità di parlare del mio blog mi rende sempre felice. 

Ecco il testo dell'articolo:

"

Verderio I.(mcu)Un moderno feuilliton pubblicato, capitolo dopo capitolo, sul suo blog http://leparoledicrima.blogspot.it/. Ha scelto il web la giovane scrittrice Cristina Cireddu (nella foto) per far conoscere il suo romanzo «Il mondo dietro al mondo».
Impiegata, 32 anni, non ha mai rinunciato a coltivare la sua passione per la poesia e la narrazione, iniziata sui banchi di scuola alle superiori, leggendo i versi di Leopardi.  «Ho iniziato a scrivere per me stessa. Poi mi sono  accorta che era un bisogno mettere nero su bianco alcuni versi, come fosse un diario, per fotografare le emozioni del momento». 
Un percorso da autodidatta, quello di Cristina, che spazia dall’arte (sul blog i suoi componimenti sono accompagnati da immagini di opere d’arte, dando vita a connubi carichi di suggestione) alla filosofia (proprio dall’approfondimento di questa disciplina è nato il suo ultimo romanzo), passando per il teatro, con la frequentazione che continua ormai da alcuni anni presso la scuola “Il gioco del teatro” di Usmate.  «Il mondo dietro al mondo» è ambientato nella pasticceria robbiatese di un’amica dell’autrice, che proprio dai clienti del locale ha tratto ispirazione: «Alcuni personaggi nascono proprio dalla mia osservazione di avventori abituali. Le avventure di tre adolescenti si alternano alla struggente storia d’amore fra una donna sposata e infelice e un timido scienziato conosciuto, ovviamente, in pasticceria - racconta Cristina - Il tutto creando un parallelo fra l’ambiente familiare da cui la trama di dipana e il mondo fantasioso a cui le porte magnetiche presenti un po’ in tutto il mondo permettono di accedere. Se fra gli adulti è la ragione a prevalere, i ragazzi ne colgono l’aspetto ludico. Dei protagonisti posso dire di aver realizzato i loro sogni nel mio libro». «Ho pubblicato sul blog il primo capitolo l’8 marzo e, di volta in volta, sto aggiungendo i successivi. Il mio blog ha ricevuto contatti da svariati paesi del mondo, penso sia un buon modo per esprimersi e farsi conoscere, con l’auspicio di poter, un giorno, dedicarmi alla scrittura a tempo pieno»
"

martedì 5 giugno 2012

Crima a scuola, 5 giugno 2012

Licenza Creative Commons



C'è un poeta dentro ognuno di noi. Il poeta è colui che esprime l'animo umano attraverso le parole.
Gli occhi grandi dietro i banchi ascoltano l'insegnante d'ispirazione. Sono i sogni a renderci quello che siamo. 

Paola diviene un albatro al massimo del suo planare illimitato quando si lascia trasportare dalle sue stesse parole. Esse attraversano il legno duro della cattedra, penetrano tra il grigio delle vecchie veneziane, scaldano le sedie dal ferro rosso.
E diviene un altro mondo, il mondo in cui si sta bene.
Le fila della vita, la volontà, il bene che si ha, rendono possibili magnifici incontri, come quello di oggi.
La passione che accomuna mi ha portato indietro nel tempo... il tempo che è il vostro presente e che sarà il nostro futuro. Perché l'amore per l'arte e la cultura rende poeti di questa vita.

Lascia che il tuo cuore scriva una parola oggi, e qualcuno la leggerà con il cuore domani.

Ringrazio con affetto
LA PROF. FUMAGALLI
LE ALUNNE 2^SA, 2^SC I.I.S.S. Villa Greppi Monticello (LC)
BEA E MICHY

venerdì 1 giugno 2012

Lune






(R. Magritte, Luna-foglie)


Ti ho amata, decantata
Mille e ancor mille volte.
T’ho osservata impassibile
Quasi senza fiato.