lunedì 27 aprile 2015

Saggia Madre


Giovanni Segantini, L'angelo della vita
(Giovanni Segantini, L'angelo della vita)


Il nascosto poeta morto
è come una coperta
che calda accarezza un minuto
e poi tirata viene via
per finire nella mondezza.

Soavi parole di crudeltà
tingono di seppia
la sua opera infelice..
incompleta ricerca del sapere,
seme senza terra
pagine mordicchiate
e gettate in un mondo
orfano di passato.


Il vero e virtuale soggiorno
nelle ore occupate di veglia
dipinge l'uomo di acquarelli.
Colori di pazzo ozio
Disprezzano l'arcaico lavoro.

Fumi trasparenti
uccidono la nostra vita
ci fanno credere splendenti
quando lo splendore
da che il tutto vive
è per pochi.

Umile saggia madre
che conosce tutto,
Umile saggia madre
venga ad abbracciarci.



Licenza Creative Commons

Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.com.

mercoledì 15 aprile 2015

Inumano



Vanna Lancini, Combatte da sola
(Vanna Lancini, Combatte da sola)



Addolora come
Lo specchio del cuore
E la civiltà tutta
S'asciughino il sudore
Con numeri di morte.

Affogate anime,
Povere bestie
Stipate di sporco,
Riempiono di sangue
Il mare.

Or tu vedi uno sguardo implorante
E digiti i numeri dei buoni
Lenendo per bene la tua coscienza.

Or tu sollevi l'orgoglio
Dissacrando una bandiera
Che la moda ha strappato.

L'uomo inumano
È polvere grigia
Di una battaglia nel vento.

Lascia cadere nell'acqua
Le pietre migliori:
Senza conoscerle
Non fa male.

Licenza Creative Commons

Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

martedì 7 aprile 2015

Rami storti



(Hans Andersen Brendekilde, Springtime - The first anemones)



Ogni volta
che alzo lo sguardo
vedo una distesa di dolci
succulenti, inviti.
Fatti di pensieri infruttuosi
di macigni gustosi
essi stuzzicano il mio pensiero.

Ogni volta
che poso lo sguardo
in fondo a questo schermo
rimpiango la mia natura
di tulipani fiorita.
Eppur vi trovo,
tra le righe,
pozzi di sapienza
nei quali bere.

mercoledì 1 aprile 2015

Mostro rosa



(Jean Broc, La morte di Giacinto)


Un mostro
dalle unghie rosa
graffia le vecchie pareti
d'uno sfarzoso obelisco.
Ciò che si sperava finito
torna nelle piazze,
in silenzio.

La libertà
fa paura.
La libertà
non si fida
di se stessa.