domenica 31 maggio 2015

Tela bianca

(William-Adolphe Bouguereau, Amore e Psiche bambini) 



Ti voglio ritrarre
consumare pennelli
e amore
sul tuo viso.

Ti voglio ritrarre
guardare la tua bocca
urlare contro il mondo.
Le tue braccia
avvolte dalle nuvole.
La tua fronte
Le tue tempie
pulsanti di vita.

Ti vorrei ritrarre
ma se lo facessi
t'accarezzerei
continuamente.
M'impiastrerei
d'olio pazzo
per toccarti.
Consumerei gl'occhi
nel tentativo vano
di renderti vivo.

Ti voglio ritrarre
Le tue mani
ancora strette
intorno a lei.

Ti voglio ritrarre
mio dolce avvenire.


Licenza Creative Commons


Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

mercoledì 20 maggio 2015

Nel deserto nero




Hugo Simberg, L'angelo ferito
(Hugo Simberg, L'angelo ferito)



Bruciare
io vedo
i tuoi occhi.
Pervasi
da una tempesta,
unti sono
di sabbia.

Oh se io
potessi incontrarti
tu dal nome giusto
tu che ignori
ciò che per noi
è stato predetto.

Angelo
le tue ali si schiudono
su volte inventate
dalla mia fantasia brulla.

Angelo
t'accarezza i capelli
il mio pensiero d'avorio.
Tu, che nella terra
ricca di nero
disegni sogni.

Di vetri splendidi
Di venti ruvidi
Il caldo ti rovina.

Angelo
Così lontana
la tua idea.
Così dolce
la tua marea.

Aspetto
paziente
l'ultima riga
di questa rima.


Licenza Creative Commons

Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

giovedì 14 maggio 2015

Acquerello



Acquarello vaso di fiori di Vanna Lancini
(Vanna Lancini, Tulipani in bianco)
www.vannalancini.com


La mattina
tra le rose
i suoi occhi
velati
si schiudono.

I ragazzi
di sotto
s'abbracciano.
E al di là
i palazzi
crescono.

I ricordi
macerano
come frutta.
Il tè
d'Oriente
risboccia.

Linee vecchie
d'anni fragorosi
si curvano
sulle fragole.

Deliri felici
acquerellano
sabbia
e memoria
dolciastra.






Licenza Creative Commons


Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

martedì 5 maggio 2015

Filosofo assopito 🎵



Henri Toulouse Lautrec, La lettrice
(Henri Toulouse Lautrec, La lettrice)


Un amore epistolare In un fracasso dolce Dipinge gli alberi E li spoglia Senza che s'abbia Occhi per goderli.
Bocca di zucchero Amorevole miele Che cola dai fori Suggerimenti d'amore Per la frenesia ereditata.
Velo d'un poeta amico Che ancora strimpella Le sue antiche rime Per chi le vuole leggere.
Frasi appese a una foto Che piange per tutto Divengono sterili Come petali appassiti.
Tappeto di rosee candide Illusioni per terra Crollate Come i miei battiti Per il filosofo assopito Dai suoi stessi pensieri.
Aspetta il risveglio Questo giorno lieve. Una vita più viva D'angoli spianati Una vita più giusta.
D'avorio io vedo I pennelli usati Lavati e poi gettati Ai venti, minuti E freddi.


Ascolta "Le parole di Crima - 103 Filosofo Assopito" su Spreaker. 
Music credit: Aspen Grove


Licenza Creative Commons


Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.com.