venerdì 15 luglio 2016

Basse danse






Sandro Botticelli, Primavera
(Sandro Botticelli, Primavera - part.)



La fantasia bella
che volava fino a Oriente
perdendosi in magiche magie.

Simboli sconosciuti
sbattevano ali d'avorio.
Le poesie
si scrivevano da sole.
I venti
sussurravano romanticismi
amori per morenti sospiri
erotici ventagli di foglie verdi
perversi squarci d'azzurro.

Tra gli alberi contorti,
gioventù al gusto di mare
senza pensare fosse proibito
senza sentirne il disperato peso.

La danza bassa bussa
Il silenzio diventa violino
Il passato risorge.


Licenza Creative Commons

Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.com.

Nessun commento:

Posta un commento