mercoledì 17 settembre 2014

Un mare di tempo



(M. Chagall, Gli sposi e la torre Eiffel)



Tanti anni fa
In un giorno d’estate
Pensai che sarebbe stato bello
Arrivare fin là.

Nuotai a lungo
Tra onde che non avevo visto
Fredde correnti traditrici.
E alla fine, distrutta, lo raggiunsi.


Mi appoggiai a lui
Con la pelle salata.
S’ergeva dal mare
Con maestosità.
Era caldo e accogliente.

Il tempo ti mira dall’alto.
T’osserva sbagliare
E rialzarti
E cadere
E scivolare.

Il tempo ride di te
Quando credi d’aver trovato la via
Perché lui sa quanto è sbagliata.

Nascevo e poi morivo
Vedevo la mia vita piena
Sentendomi svuotare.

Poi, un giorno
Il tempo si è fermato.
Mi ha guardata a lungo.
Forse si è ricordato di me
Forse era stato distratto.
Ora, invece, mi pensava.

Mi ha allungato una mano,
Io l’ho afferrata,
E lui mi ha portata indietro.

Senza perdere un minuto
Segnato sul mio corpo
Sono tornata giovane
Con tutti i miei anni
Sulle spalle di madre.

E ho capito.

Ora so perché
Ci misi tanto per arrivare
Raggiungere e ammirare
Quel magnifico scoglio
Quasi vent'anni fa.

Licenza Creative Commons
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

Nessun commento:

Posta un commento