venerdì 19 aprile 2013

Départ





(P. Picasso, Arlecchino pensoso)

Fuggir vorrei
Da questo gioco di cuore
Che distorce i sogni.


Femmina bisbetica, eretica
In trappola cade
Quando di dolci lodi
E fiaccole perverse
Le si riempie il camino.



Ella posa i piedi nudi
Su petali di peonie
Scardinati da bambini blu
Che giocano a schivar
L’adulta etate.


Ma ella io non sono
Poiché di canti d’amore
Le mie nuvole son piene
E di zucchero sanno
I fiori gialli del mio giardino.


Or scende il temporal d’agosto
Che si scaraventa sui tetti.
Tegole d’argilla ricoprono il mio petto
Si dissolvono ancora e ancora
All’udire il rombo celeste.


A fuggir di nuovo non valgo
E attendo quel fischio
Che annunci la mia partenza.


Licenza Creative Commons
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

Nessun commento:

Posta un commento