giovedì 14 febbraio 2013

Lillà



(V. Van Gogh, Campo di lillà)

Io miserabile
Ti rivedo luccicante
Magnifica dentro di me
Non m’annoi mai.
Sei una primavera
Nascosta da fiori lilla
Che petalo su petalo
Colorano una mattinata stanca.
Sto seduto qui, in silenzio
So che ti sentirò,
Persino nel mio ozio.

T’ho supplicato
Di lasciarmi andare
Mentre i cristalli nel petto
Facevano il solletico.
T’ho supplicato
Di lasciarmi andare
E ora t’ascolto mugolare
Solo un minuto
Perderti tra le rocce
E crollare
Per i precipizi d’amore.


Non c’è nessun posto
Dove vorrei stare
Se non da te
E da quei tuoi volteggi lilla
Nel cielo freddo.
E l’argento tra i mattoni
I sassi d’arte
E le piccole illusioni d’argento.
Solo tu mi puoi leggere
Morbida pioggia di coccole
Parigine.


Licenza Creative Commons

Lillà by Maria Cristina Cireddu is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

Nessun commento:

Posta un commento