giovedì 15 novembre 2012

Felinando





(P.A. Renoir, Le Garçon au chat)

Salti su e giù
da questo quadrato di stelle.
Sento il tuo ruvido gorgogliare
nell'acqua piovana.


Creatura dagl'occhi tondi
e profondi
come l'autunno
in un giorno caldo,
osservi una realtà
strappata, graffiata, rossa.



Ti sento parlare
con voce che si strofina
nel mio quotidiano.
Ti chiamo
e tu muti il tuo vociare
in monosillabi giocosi.
Pensosi i tuoi sguardi
al di là di vetri opachi
curiosi del via vai di corte.

E mi chiedo cosa pensi
quando mi guardi.
E mi chiedo cosa pensi
quando mi cerchi.
Sei un morbido angolo
fintamente candido
consolatorio di giorni grigi
affettuoso nei modi felpati.

Mi dormi affianco
e mi scaldi
piccolo essere
di baci rosa
di mordicchi avorio
di sogni misteriosi.

Salti su e giù
come se la casa
fosse una foresta
e i giochi una tempesta
di semplici emozioni.

Creatura di occhi ambrati
di lunghe zampe perfette
di tappeti bianchi e bruni
di tesori nascosti e ritrovati.

Accoccolati tra le mie braccia
altro non desidero
che il tuo rilassante fusare.

Licenza Creative Commons
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

Nessun commento:

Posta un commento