giovedì 6 settembre 2012

Aria d'agosto





Quadro astratto in onore a Kandinsky
(A. Gockel, Homage to Kandinsky)



Gli anni passano
Come le note di una canzone
Chi la canterà per te?
I segreti a volte sono così nascosti
Da poterli raccontare in mille modi
Come una conquista lenta
In giorni pigri di sabbia.
Sotto un ombrellone azzurro
Come l’oceano di cui ti parlai
Per ore e ore
Tu così diversa
Mi hai amata.

La tua spensierata gioia
Mi riempie e avvolge
Come le lenzuola
Di un letto sfatto
Come la finestra
Aperta sulla sala
Teatro della tua vita.

Potrei ripetere le parole
Di quella canzone
Fino allo sfinimento
Fino al momento
In cui i tuoi occhi
S’innamoreranno ancora.

Gli anni passano
E la vita è così uguale
E così diversa
È così intensa e dispersa
Eppure così semplice
Quando non ci sono regole
Per volersi bene.

Ricorda di respirare
E d’osservare
La sensibilità nascosta
Dei tramonti e del mare.

Gli anni passano
Una volta non c’eri 
E ora mi fai respirare.
Gli anni passano, 
oh aria.. cosa porteranno?
Tulle bianco 
O giri per il mondo
Dietro al mondo
Quello in cui sei voluta entrare
Per scoprire la mia penna d’argento.

Un momento
Ancora nostro
Un respiro
Un boccolo bagnato
Un modo tutto tuo
Un saluto solo
Fino a domani.

Music credit: Tyufyakin Konstantin


Licenza Creative Commons


Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

Nessun commento:

Posta un commento