domenica 5 febbraio 2012

Passeggiata al fiume




(C. Monet, Pioppi lungo l'Epte)

Codesto fiume
che odora di ricordi
dipinge di pace e di nuovo
a ogni mio passo
e freme la mia anima ignorante
che aleggia come i cigni
e i navigatori
che ivi hanno
il loro unico mondo.
Il mio passo è delicato
poiché sogno
come non stessi vivendo.
Il mio respiro è fresco e corre.
Il resto è lontano,
finalmente.
Gli sguardi elusi
più non toccano,
hanno vite
che non mi appartengono
vagiti lontani
e frenate che fischiano.
E il fiume lento gorgoglia.
Si nasconde anch'esso come me
dietro la vita altrui.
Eppure è lì e sembra parlarmi
di giochi e rincorse senza voce.
Licenza Creative Commons


Permissions beyond the scope of this license may be available at http://leparoledicrima.blogspot.com.

Nessun commento:

Posta un commento